Il potere delle liste. Invito a cena

marzo 9, 2015 Written by Daniela - Nessun commento

Che potere le liste! L’uomo con cui vorrei uscire a cena? Jonah Peretti. Vi sarete accorte del fatto che i blog più popolari, siano fashion & lifestyle oppure didattici, sono costruiti su liste. Un modus operandi che genera curiosità, divertentimento, con contenuti facilmente memorizzabili e, soprattutto, condivisibili: il sistema a bullet points per chi -vecchia scuola- ha smanettato con le presentazioni in Power Point per molti ormai giurassiche.
Quindi ecco “le dieci cose che ho imparato nel mio mese vegano” (nel suo mese vegano), “le dieci cose della fashion week” (la sua fashion week), “le 10 cose che ho imparato sull’organizzazione” (la sua organizzazione)…. per citare siti che frequento con piacere. Insomma, ovunque mi giro vedo liste. Il grande ritorno della Signora Maria con la lista della spesa? Dalla Signora Maria io ho ancora molto da imparare. Sono stata già tre volte al supermercato e puntualmente torno a casa senza carta igienica e caffè. Motivo per cui mi ci ero recata.
liste
Un bell’articolo tratto dal Sunday Times ci raccontava di questo giovanotto, quasi mio coetaneo ma molto, molto più ricco di me. Il 42enne Jonah Peretti vale 850 milioni di dollari e li ha fatti con le liste. Buzz feed per la precisione. E’ quella cosa che ci piace tanto e che ha tanto successo e al cui successo siamo tanto felici di contribuire con il tasto “Share” ( dai 34 gatti in fila per tre col resto di due che non puoi assolutamente perderti, ai 18 hotel di lusso dove osano le aquile che devi visitare prima di morire, alle 33 foto più celebri del ‘900….. dico per dire… ma roba simile). Liste di cose che ci incuriosiscono, fatte apposta per incuriosirci, che condividiamo viralmente e che in realtà fanno felice soprattutto la moglie di Jonah la quale, poverina, avendo due gemelli da tirar su, deve pur chiedere al maritino di portar a casa la pagnotta.
Tre cose che ho in comune con Jonah Peretti:
1. Sono allergica ai felini come lui (ma a differenza sua convivo con la mia allergia da anni e continuo a circondarmi di gatti)
2. Sono dislessica (quella forma blanda ma imbarazzante che ti porta a imparare a leggere -specie ad alta voce- scorrevolmente intorno agli otto anni per cui negli anni ’80 ti trattavano da idiota. Nonna compresa che non se ne capacitava).
3. Ho vissuto anch’io a Londra per diversi anni (No nice address for me, though.)
Temo che la lista dei punti in comune si fermi qui.
Comunque mi piacerebbe uscirci a cena, moglie permettendo, per chiedergli di aiutarmi a comporre la to do list per Sellingmylife 2015/2016
Corso Verdi 61
Ad esempio le 10 imperdibili cose che puoi trovare da Sellingmylife e che non avresti mai avuto coraggio di chiedere, oppure la conta fino a dieci per non insultare finti clienti super cafoni che hanno impiegato un anno per varcare la soglia del negozio con malcelata alterigia e devi ingoiare il rospo. Oppure 10 cose molto più importanti di queste per crescere con successo quando ami il tuo progetto come fosse tuo figlio.